window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-127818616-1');

Ventimila giorni sotto i mari…

////Ventimila giorni sotto i mari…
Ventimila giorni sotto i mari…2018-09-07T11:59:12+00:00

… il numero perfetto, un cerchio che si chiude.

In sintesi, la storia della subacquea a Faenza si può riassumere con questi tre assiomi:

  • ventimila giorni sotto i mari, come il titolo di questo volume e come i giorni di vita della SUB FAENZA dalla sua fondazione ad oggi.
  • tre, come il numero dei fondatori del sodalizio nel lontano 1959 e come tre (mila) sono i soci, oggi,  del CENTRO SUB NUOTO CLUB 2000 FAENZA, l’Associazione  Dilettantistica  Sportiva nata il 20 Luglio 2012 dalla fusione del Centro Sub e del Nuoto Club 2000 che ha ereditato anche le esperienze locali della Avis-Uisp e del Faenza Nuoto.
  • un cerchio che si chiude, perchè dal gruppo originario formato dai pochi pionieri che si ritrovavano nell’officina meccanica di Gino Cortesi si sono staccate, negli anni, diverse costole che hanno dato vita a nuove associazioni come il Nuoto Pinnato, l’Equipe Subacquei Amici del Mare, il Gruppo Subacqueo IL MARE, il Nuoto Club, il Centro di Coordinamento delle Attività Subacquee ed il Centro Sub Faenza, che oggi si ritrovano (quasi) tutte assieme ad operare all’interno di questa nuova Associazione.

COPERTINA1

Ma veniamo alle origini dell’idea, quando nel corso di una seduta del Consiglio Direttivo di qualche anno fa si iniziò a parlare di pubblicare un libro per ricordare i primi cinquanta anni di vita del CENTRO SUB FAENZA.  Il progetto fu approvato all’unanimità, ma passati gli  entusiasmi iniziali si realizzò molto presto che l’impresa sarebbe stata perlomeno ardua, poiché era necessario riordinare una vastissima documentazione e raccogliere testimonianze di non facile reperibilità dal momento che tanti soci della prima ora sono, purtroppo, deceduti.

Dopo una empasse iniziale di un paio di anni, ho assunto la responsabilità di coordinare il lavoro di ricerca e devo riconoscere che è stato bello ed emozionante incontrare alcuni personaggi come Gaetano Bazzi, Roberto Dal Pozzo, Aldino Liverani, Manlio Melandri e Valeriano Tassinari, che oggi rappresentano la memoria storica vivente della vecchia SUB FAENZA.  Hanno collaborato con  entusiasmo, proponendomi fotografie, diapositive, stemmi e ritagli di giornali d’epoca oltre a raccontarmi tante storie ed aneddoti che, almeno in parte, non sono pubblicabili.

Certamente è stato più facile pescare negli archivi sociali, dove prima Sergio Montanari e Dante Ranzi, poi Ruggero Zinzani e Mirella Montanari hanno tenuto ben ordinata,  una serie di album ricchi di fotografie che documentano ampiamente gli anni tra il 1970 ed il 2000.

Paradossalmente è stato molto più difficile raccogliere la documentazione fotografica degli ultimi dieci anni,  quelli dell’era digitale. E’ normale che in sede non esista un archivio cartaceo di questi anni, un po’ meno che non ne esista uno digitale ma evidentemente ogni fotografo cura il proprio archivio, spesso in modo neanche tanto ordinato, per cui selezionando le varie immagini  mi sono frequentemente ritrovato a lavorare sullo stesso materiale ricevuto da più persone ed in tempi diversi, quindi a dover riprendere e modificare più volte il racconto dello stesso evento o periodo storico. E’ servito molto tempo, ma spero che il risultato finale  sia all’altezza delle aspettative che inevitabilmente si sono create.

E’ stata assolutamente indispensabile la collaborazione di Andrea Giulianini, che è la prima persona che voglio pubblicamente ringraziare per le decine di serate e le tante domeniche spese per la elaborazione ed il taglio grafico delle immagini che vedete su questo volume.

Un altro collaboratore prezioso è stato il pubblicista Alessandro Ancarani, che ha impaginato testi e foto con una professionalità ed una pazienza fuori dal comune.

L’ultimo ringraziamento lo devo agli autori degli inserti pubblicati nella sezione dei “contributi esterni“ ed a tutti i soci e consiglieri del CENTRO SUB FAENZA che si sono prodigati nella ricerca di materiali e dati che sono serviti per arricchire e completare l’opera.

Il pensiero finale guarda inevitabilmente al futuro ed è un augurio;  che fra cinquant’anni ci sia nuovamente qualcuno che abbia la stessa voglia di raccogliere e raccontare le esperienze e le attività  subacquee che si svilupperanno nella nostra città nel prossimo mezzo secolo,  per poter festeggiare la confermata presenza del CENTRO SUB NUOTO CLUB 2000 FAENZA  quale Associazione sempre più radicata nel territorio locale e sempre più convinta del proprio ruolo sociale, al servizio dei cittadini.

Antonio Marcelli
Vicepresidente Centro Sub Nuoto Club 2000 Faenza

 

Questo sito utilizza i cookie per garantire all'utente il miglior servizio possibile. Per maggiori informazioni visita la nostra informativa estesa oppure prosegui, cliccando su OK e acconsenti all uso dei cookie. Ok